Chi siamo

Sap-flash

News

Vetrina sulla vergogna

Convenzioni Nazionali

CROLLO PONTE GENOVA: ANCHE POLIZIOTTI FUORI SERVIZIO ACCORRONO PER SALVARE VITE UMANE

 

Oltre duecento uomini delle forze dell’ordine impegnati già dagli istanti dopo il crollo nel disperato tentativo di salvare vite umane. Tra questi i poliziotti della questura, volanti, polfer e stradale che hanno scavato senza sosta, anche a mani nude. Da tutti gli uffici i nostri colleghi non si sono risparmiati nella loro missione di soccorso; molti di loro erano anche fuori servizio. Un gesto lodevole a sostegno della gente colpita da questa tragedia, ha dichiarato Salvatore Marino segretario regionale SAP della Liguria, che conferisce lustro a chi con abnegazione e senso del dovere si sacrifica per gli altri. I nostri uomini si sono trovati di fronte a scene che difficilmente riusciranno a dimenticare. Il Dipartimento intanto ha inviato altri uomini dalle regioni limitrofe.

GRANDE VITTORIA SAP! TELECAMERE SULLE DIVISE CHE NON PERDONANO NESSUNO

 

GRANDE VITTORIA SAP!
STOP A FALSE DENUNCE! STOP AD ACCUSE STRUMENTALI E GOGNA AI DANNI DEI POLIZIOTTI.

Dopo 10 anni di battaglia, la proposta del sap è realtà! telecamere sulle divise… quelle che non piacciono al partito dell’antipolizia perché non perdonano nessuno. soprattutto i delinquenti.

 

Gravi anomalie certificazioni C.U. 2018 – Il SAP scrive al Capo della Polizia

 

Abbiamo segnalato al Capo della Polizia le gravi anomalie relative alle certificazioni C.U. 2018, dovute ad evidenti errori di gestione da parte di NoiPA. Con l’occasione abbiamo richiesto l’adozione di urgenti misure volte a tutelare i colleghi interessati nonché di rivalutare l’opportunità di tornare alla precedente gestione. In allegato la nota del SAP.

SAP FLASH NR° 25 DEL 18.06.2018

 

E’ online il Sap Flash nr° 25 del 18 giugno 2018. Scaricalo cliccando qui sotto

NO AGLI IDENTIFICATIVI, SI DEL MINISTRO ALLE TELECAMERE SULLE DIVISE. “ORA SCHEDIAMO CHI DELINQUE”

 

Il Ministro dell’Interno Matteo Salvini ha annunciato il suo parere contrario al numero identificativo sul casco dei poliziotti, poiché “già bersaglio dei delinquenti anche senza numero in testa”. Ha invece, espresso parere favorevole per la dotazione di bodycam, ovvero telecamere sulle divise, quali strumento di trasparenza per documentare le attività di Polizia, così come previsto al punto 23 del contratto di governo. Da un contratto di governo che nella parte dedicata alla sicurezza, riprende esattamente quelle che da anni sono le battaglie del Sap, non potevamo aspettarci di meglio.


LA NOSTRA RISPOSTA